CONOSCERE E AMARE L'ITALIA

Le trasformazioni del paese attraverso le fotografie di
Renato Bazzoni, padre del FAI

8 aprile - 1 maggio 2017
VILLA REALE, MONZA
dal martedì alla domenica dalle 10 alle 19
venerdì fino alle 22
Aperta lunedì 17 e 24 aprile, 1 maggio

Architetto milanese nella Milano della ricostruzione e padre ispiratore del FAI – Fondo Ambiente Italiano, Renato Bazzoni progettò edifici industriali e alberghieri, abitazioni e ospedali ma la sua passione fu da sempre l’architettura rurale – “creata dalla gente dei campi, delle montagne, delle coste” come amava definirla.

La mostra itinerante “Conoscere e amare l’Italia: le trasformazioni del Paese attraverso le fotografie di Renato Bazzoni, padre del FAI” raccoglie gli scatti dell’architetto-fotografo e ripercorre le tappe del suo impegno civile per la tutela dell’ambiente e del patrimonio culturale italiano a partire dagli anni Cinquanta.

Dopo gli allestimenti alla Cavallerizza di Milano, al Teatrino di Vetriano in provincia di Lucca, al Teatro Ariston di Sanremo, al Palazzo Coelli di Orvieto e al Palazzo Baldeschi di Perugia, l’esposizione arriva nella prestigiosa cornice della Villa Reale di Monza, inaugurando il 7 aprile. La scelta della data non è casuale: il 7 aprile 1967, infatti, dopo le alluvioni di Firenze e di gran parte del Veneto, inaugurava a Milano la mostra a cura di Touring Club Italiano e Italia Nostra “Italia da salvare”, il progetto che per la prima volta ha posto i cittadini italiani di fronte ai disastri del dissesto ambientale e che scaturì da tre anni di indagini dello stesso Renato Bazzoni e di alcuni suoi collaboratori. Un gruppo di sette giovani architetti che viaggiarono da Nord a Sud e, per mezzo della macchina fotografica, compilarono “un inventario degli sfregi, degli stupri…degli oltraggi, perpetrati ai danni del nostro patrimonio artistico e naturale”, come scrisse Indro Montanelli nel suo editoriale sul “Corriere della Sera” a proposito della mostra. Il risultato fu, secondo il grande giornalista, “un bellissimo Giro d’Italia della vergogna”, il “primo serio efficace appello all’opinione pubblica…perché si renda conto degli scempi che si stanno commettendo”: una missione nobile e ancora molto attuale che il FAI condivide e intende commemorare a distanza di cinquant’anni con la tappa monzese di “Conoscere e amare l’Italia”.

Rispetto alle edizioni precedenti, la tappa monzese di “Conoscere e amare l’Italia” sarà arricchita da un video-documentario dedicato a Renato Bazzoni a cura di Simone Pera e Alberto Saibene con rare interviste a Bazzoni e le testimonianze di chi lo ha conosciuto e frequentato.

Le 300 fotografie dell’esposizione, curata da Alberto Saibene, sono una preziosa testimonianza dello straordinario viaggio italiano di Renato Bazzoni e dell’impegno civile di un grande intellettuale per la tutela dell’ambiente e del patrimonio culturale del nostro Paese, che il FAI ha raccolto quale testamento morale facendolo proprio nei suoi oltre 40 anni di attività.

LE SEZIONI DELLA MOSTRA

La mostra è organizzata con l’appassionato impegno degli Amici del FAI
e della Delegazione FAI Monza.

Amici del FAI

FAI - Fondo Ambiente Italiano©. Via Foldi, 2 - 20135 Milano. Tel. 02 4676151 Fax 02 48193631 P.I.: 04358650150. E-mail: internet@fondoambiente.it Fondazione senza scopo di lucro. Riconosciuta con DPR 941 del 3.12.1975 Reg. Persone Giuridiche Prefettura MI n.86 - C.F. 80102030154 - PEC: 80102030154ri@legalmail.it